CONVOCAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI – SABATO 29 APRILE 2017

Convocazione Assemblea soci

Cernusco s. N. 21 aprile 2017

Alle socie e ai soci CLIO

 

Oggetto: Convocazione Assemblea degli associati

 

È convocata l’Assemblea ordinaria dei soci per sabato 29 Aprile 2017 in prima convocazione alle ore 17.30 e in seconda convocazione alle ore 18.30 presso il Bar La Veranda (piazza Risorgimento, Cernusco s. N) con il seguente ordine del giorno:

  1. Approvazione Rendiconto Economico Finanziario e relazione anno 2016;
  2. Approvazione Preventivo Economico anno 2017
  3. Varie ed eventuali

Vi ricordiamo che:
-ogni socio ha diritto a un voto;
-hanno diritto di voto i soli soci in regola con il pagamento della quota associativa;
-sarà possibile regolarizzare la posizione prima dell’inizio dell’Assemblea
-ogni socio potrà delegare per iscritto un solo socio a presenziare e votare per suo conto

Chiediamo inoltre, che i soci non più interessati a rinnovare la tessera, al fine di essere cancellati dal Libro Soci, ne diano comunicazione scritta all’indirizzo
clioassociazione@gmail.com

Con i più cordiali saluti

La presidente in carica (per la sola attività ordinaria)
Paola Malcangio

Cernusco Città del Libro con il BookFestivalBar, 7-8-9 aprile

Grandi nomi stanno per arrivare a Cernusco. Leggi il programma completo del più originale festival letterario. E non mancare!

Ritornano gli incontri con gli autori nei bar di Cernusco sul Naviglio

VITALI, BOSCO, SILVESTRI, RATTARO, ROVERSI

Andrea Vitali sulla copertina de Il Libraio
Raffaella Silvestri

 

Paolo Roversi

I GRANDI NOMI DEL BOOKFESTIVALBAR 2017

Raffaella Silvestri, vincitrice del talent letterario televisivo Masterpiece, e il noto giallista milanese Paolo Roversi apriranno la seconda edizione del Book Festival Bar di Cernusco sul Naviglio (MI) che si terrà nei giorni 7, 8 e 9 aprile 2017.

Nato da un’idea di Paola Malcangio, presidente dell’associazione CLIO – Cultura, Libri, Idee, Opportunità, il Festival quest’anno porterà in città tanti autori di primarie case editrici: Laura Bonalumi (Piemme), la gettonatissima Federica Bosco (Mondadori), Virginia Bramati (Giunti), Bea Buozzi (Mondadori), Roberto Caracci (Moretti & Vitali), Fabrizio Carcano (Mursia), Roberto Centazzo (TEA), Guido Conti (Mondadori), Saviem Mari (Polistampa), Nicoletta Sipos (Garzanti).

Clou del Festival, Andrea Vitali (Garzanti), e gran finale con Sara Rattaro, premio Bancarella 2015 (Sperling & Kupfer). Gli incipit dei libri saranno letti dall’attrice milanese Federica Toti.

La direzione artistica è della scrittrice Loredana Limone, autrice della saga di Borgo Propizio e socia onoraria di CLIO. La direzione logistica è della socia fondatrice Romana Borgonovo.

La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Cernusco sul Naviglio, di Regione Lombardia e della Confcommercio (Melzo)

IL PROGRAMMA DEL BOOK FESTIVAL BAR 2017

VENERDI 7/4

ORE 19   – Anima Art Cafè – Via Uboldo 6

RAFFAELLA SILVESTRI (GARZANTI), “La fragilità delle certezze”

PAOLO ROVERSI (MARSILIO), “La confraternita delle ossa”

Presenta: Paola Malcangio

SABATO 8/4

ORE 11  – Pasticceria del Centro – Via Marcelline 13

BEA BUOZZI (MONDADORI), “Il club dei tacchi a spillo”

ROBERTO CARACCI (MORETTI & VITALI),”Le maschere del senso”

Presenta: Carmen Lo Presti

Bea Buozzi
Roberto Caracci

———-

SABATO 8/4

ORE 17  – La Plaza, piazza Matteotti

VIRGINIA BRAMATI (GIUNTI),”Tutta colpa della mia impazienza”

FABRIZIO CARCANO (MURSIA), “Una brutta storia”

Presenta: Monia Farina

Virginia Bramati
Fabrizio Carcano

———-

SABATO 8/4

ORE 19  – 28Tre Lounge Cafè – Piazza Gavazzi 5

NICOLETTA SIPOS (GARZANTI), “La promessa del tramonto”

ANDREA VITALI (GARZANTI, “A cantare fu il cane”

Presenta: Loredana Limone

Nicoletta Sipos
Andrea Vitali

———-

DOMENICA 9/4

ORE 11  – Profumo di Dolce – Piazza Stefano Ghezzi

LAURA BONALUMI (PIEMME), “Voce di lupo”

SAVIEN MARI (POLISTAMPA), “La Giulia”

Presenta: Romana Borgonovo

Laura Bonalumi

———-

DOMENICA 9/4

ORE 17  -La Veranda Coffee Bar – Piazza Risorgimento 15

FEDERICA BOSCO, “Dimenticare uno stronzo. Il metodo detox in tre settimane”

ROBERTO CENTAZZO (TEA), “Squadra speciale minestrina in brodo – Operazione Portofino”

Presenta: Cristina Voltolini

Federica Bosco
Roberto Centazzo

———-

DOMENICA 9/4

ORE 19 – Caffè della Contrada – Piazza Vecchia Filanda 18

SARA RATTARO (SPERLING & KUPFER), “L’amore addosso”

GUIDO CONTI (MONDADORI, “La profezia di Cittastella”

Presenta: Roberta Quintavalle

Sara Rattaro
Guido Conti

Info: mail clioassociazione@gmail.com

Sono main sponsor dell’iniziativa

Sono sponsor dell’iniziativa

 

E’ partner ufficiale

BUON COMPLEANNO CLIO!

15 febbraio 2016 – 15 febbraio 2017

Un anno è passato e CLIO ne ha fatta di strada!

Vogliamo ricordare, insieme a voi, gli eventi più importanti del 2016:

RASSEGNE LETTERARIE

Abbiamo organizzato “Le pagine di Clio” alla Bottega del Libro ospitando autrici del calibro di Sara Rattaro (nella foto con Loredana Limone), Emanuela Ersilia Abbaddessa, Alice Basso e autori bravissimi come Andrea Vitali e Giuseppe Lupo.

Per “Clio Social Book” (libri il cui ricavato sostiene progetti sociali) abbiamo incontrato Alexandra Gatti e Valeria Benatti (nella foto) e sostenuto i progetti della Tearpia Intensiva Neonatale di Monza e della Onlus Cerchi d’Acqua, contro la violenza sulle donne.

BOOKFESTIVALBAR

La formula che fa incontrare scrittori e lettori nei bar cittadini ha avuto un grande successo e l’abbiamo replicata ad Aversa (Ce) e a Milano all’interno di Book

city 2016.  Siamo state le prime a mappare il patrimonio culturale umano cernuschese mettendo in rete anche esercizi commerciali, sponsor, istituzioni, studenti cernuschesi. Siamo pronte a replicare l’esperienza il 7-8-9 aprile 2017

SCRITTORI IN CLASSE

Abbiamo proposto incontri per le scuole superiori (nella foto Roberto Ritondale incontra gli indirizzi liceali dell’Itsos Marie Curie) e per le primarie e abbiamo continue richieste dai docenti del territorio e non solo.

FLASH MOB

Abbiamo ballato contro la violenza per il One Billion Rising 2016 e ci apprestiamo a farlo anche i 14 febbraio 2017 (chi vuole partecipare alle prove può scrivere una mail per conoscere date e luoghi a clioassociazione@gmail.com)

TV

Due nostre socie, Paola Malcangio e Monia Farina (nella foto) sono state protagoniste della trasmissione di La Effe “Lettori, i libri di una vita”.

BOOKCROSSING

Abbiamo liberato migliaia di libri a Cernusco ma anche in giro per l’Italia e per il mondo e abbiamo aperto 30 zone ufficiali di scambio.

CONCORSO

Abbiamo lanciato un premio nazionale di narrativa “Donna ieri, donna oggi, donna musa” che sichiuderà il 30 giugno 2017 (abbiamo posticipato la scadenza per motivi organizzativi). In palio c’è la pubblicazione del romanzo con Fefè Editore (Roma).

FESTA DI COMPLEANNO

Per festeggiare il nostro strepitoso anno e presentarvi le attività del 2017, SABATO 14 gennaio faremo una piccola festa e inizieremo la campagna tesseramenti per il nuovo anno.
Sarà una giornata densa di iniziative
Programma:
h.16.00 presso la Biblioteca di Cernusco sul Naviglio parteciperemo alla “Caccia allo stoccafisso” iniziativa organizzata dalla socia Monia Farina (autrice dellibro “Che fine ha fatto lo stoccafisso?”)con la partecipazione della socia Carmen Lo Presti (ingresso libero)
h. 18.00 presso il caffè Sefeba’s di piazza Unità d’Italia, apriremo il tavolo dei tesseramenti, tutti gli interessati potranno venire a conoscere il nostro programma 2017 e acquistare la tessera (10 euro).
Dalle 18.30 alle 20.00 aperitivo per festeggiare il primo anno di vita dell’Associazione CLIO, (sempre al Sefeba’s costo 4,50 euro) .


Per l’aperitivo è obbligatoria la prenotazione via mail all’indirizzo clioassociazione@gmail.com entro le ore 12 del 13 gennaio.

BUON NATALE!

Clio augura a tutte e tutti un meraviglioso Natale e un sereno 2017 e ricorda il Premio Nazionale di Narrativa “Donna ieri, donna oggi, donna musa” che si chiuderà il 31 gennaio 2017. Tutti i dettagli qui

Clio informa, inoltre, che è già possibile tesserarsi per il 2017 con un semplice clic sul sito www.clioassociazion.it: sulla destra dell’home page è possibile pagare on line la quota annuale di € 10.00. Quest’anno, per le tesserate e i tesserati, sono disponibili sconti in diversi negozi. Controllate gli esercizi convenzionati nello schema CLIOCONVENZIONI.

AUGURI!!!

 

Il Bookcity 2016 di CLIO

Bookcity Milano è uno tsunami che “invade” la città di cultura e promozione della lettura. L’edizione 2016 ha visto oltre 1000 eventi concentrarsi dal 18 al 20 novembre con la giornata del 17 dedicata a Bookcity Scuole. Clio ha partecipato a questa edizione con un evento per le scuole e un mini bookfestival bar in tre bar/ristoranti di Milano. Hanno fatto parte del programma anche la presentazione di un libro da un parrucchiere e una data della rassegna “Le pagine di Clio”. Vediamo la gallery.

GIOVEDI’ 17 novembre, ISS “Itsos Marie Curie”: gli studenti degli indirizzi liceali, coordinati dalla professoressa Anna Palatucci, hanno incontrato lo scrittore Roberto Ritondale e con lui hanno chiacchierato del suo libro “Sotto un cielo di carta“. Tante domande e tante riflessioni hanno arricchito l’incontro.

ritondale1

ritondale2

Venerdì 19 novembre, Osteria dell’Utopia. La blogger  di “Un libro per amicoDaniela Calligaro ha presentato la scrittrice e blogger a sua volta Rossella Boriosi e il suo “Nega, ridi, ama – Diario tragicomico di una menopausa“. Accoglienza meravigliosa e, speriamo, l’inizio di una collaborazione con questa location milanese incredibile e gestita da persone stupende.

boriosi1

Sabato 20 novembre, un CLIODAY con ben tre eventi.

Siamo partite da Charme Parrucchieri di Opera con un’insolita presentazione tra caschi e spazzole del libro di Rossella Boriosi con la brillante conduzione della socia e ufficio stampa di Clio Cristina Voltolini. Graditissimo l’intervento del sindaco di Opera Ettore Fusco.

boriosi2

Nel pomeriggio Cristina ha presentato a Cernusco la mitica Alice Basso e il suo “Scrivere è un mestiere pericoloso” alla Bottega del Libro di Maria Lo Riggio

basso

Sempre nel pomeriggio, al Deseo Lounge Bar di Milano, assaggiavamo sia il libro di Monia FarinaChe fine ha fatto lo stoccafisso” sia gustosi assaggi di ….stoccafisso con la blogger di Desperatebookswife Barbara Bandoli.

monia

Domenica 20 abbiamo chiuso in bellezza nella bellissima sala-camino di La Colubrina, gestita da Franca e Consuelo, due donne meravigliose che torneremo a trovare sia per presentare i nostri libri sia per degustare i loro piatti. Qui la blogger di La Libridinosa Laura Failla, ha presentato la scrittrice Monica Coppola e il suo “Viola, vertigini e vaniglia“. Presenti numerose blogger, le scrittrici Alice Basso, Rossella Boriosi, Cristina Brondoni e lo scrittore Davide Bacchilega.

coppola

 

colubrina

Noi siamo molto felici e soddisfatte. Tante persone nuove conosciute, tante nuove collaborazioni in vista. A brevissimo il nostro ricco programma per il primo semestre 2017.

Grazie a tutte e tutti!

 

TUTTI I NUMERI DI BOOKCITY 2016

 

 

3 e 4 settembre: il BookFestivalBar sbarca ad Aversa. Gemellaggio culturale Campania-Lombardia

 

BFBAversa

 

Incontri letterari al…bar. Questa è la formula del Book Festival Bar  che, grazie al lavoro del gruppo di lettura Legenda Letteraria, si terrà ad Aversa (Ce) sabato 3 e domenica 4 settembre prossimi.

“8 incontri in 8 bar cittadini per promuovere la lettura portando la cultura fuori dai luoghi tradizionalmente deputati a ospitarla e valorizzando, al contempo, le realtà territoriali. Questi sono gli obiettivi che l’Associazione CLIO – Cultura, Libri, Idee, Opportunità ha concentrato nel primo Book Festival Bar tenutosi nell’aprile 2016 a Cernusco sul Naviglio (Mi), dove ha sede l’Associazione”- dichiara Paola Malcangio, presidente di CLIO – “Abbiamo quindi accolto con  molto piacere il gemellaggio  proposto da Legenda Letteraria. Anche nell’edizione aversana la direttrice artistica dell’evento è Loredana Limone, scrittrice, socia onoraria di CLIO, campana d’origine e cernuschese d’adozione”.

“Grande è la mia soddisfazione – dichiara Loredana Limone – nell’essere riuscita, con sinergie molto valide ma con davvero pochi mezzi, a realizzare un gemellaggio culturale tra Cernusco sul Naviglio, località dove vivo e dove opera CLIO, e la mia terra d’origine (sono una napoletana emigrata in Lombardia). Il Book Festival Bar, un festival letterario che mancava tanto al nord quanto al sud, per me personalmente rappresenta un ponte che unisce le due importanti parti della mia vita attraverso il mio lavoro di scrittrice. Ma è anche un ponte che spiana i pregiudizi e riduce le distanze attraverso i libri. Ringrazio con emozione – conclude Limone – tutta l’organizzazione e gli autori di calibro nazionale che hanno aderito con entusiasmo”.

“Il Book Festival Bar- Aversa 2016– spiega Marta Compagnone, writer di Legenda Letteraria e organizzatrice – è alla sua prima edizione e il ritrovarsi tra gli artefici, potendo contare sulla presenza dei miei due compagni di percorso Martino e Fedele e sulla maestria organizzativa di Loredana Limone, mi riempie di orgoglio. Questo Festival rappresenta un’occasione di crescita per noi e per il blog, Legenda Letteraria, che ci ha permesso di conoscere scrittori straordinari per umanità e professionalità e che sono parte integrante dell’evento; ma consentirà anche la creazione di un bel circuito culturale che coinvolgerà tutti coloro che vorranno intervenire per essere parte di questa grande famiglia letteraria. Non mancate!”.

Legenda Letteraria è fiera di aver portato ad Aversa il format Book Festival Bar, ideato dall’Associazione Culturale C.L.I.O. e già realizzato da Loredana Limone nella ridente cittadina di Cernusco sul Naviglio (Milano) – aggiungono Martino Santillo – Fedele Menale, writers di Legenda Letteraria e organizzatori – “Attualmente, risulta sempre più necessario portare scrittori e testi a contatto con il pubblico in generale, non solo come conseguenza a un periodo in cui al Meridione si registra una forte flessione del numero di lettori ma anche, in particolar modo, per far sì che l’attività intellettuale divenga quel fulcro attivo e centrale su cui possa fare perno il processo di sviluppo economico del territorio. Ci auguriamo, dunque, che questo evento possa riscontrare il favore della Città non solamente in termini di pubblico, ma anche di interesse da parte delle strutture e degli esercizi commerciali coinvolti nonché della continua e costante attenzione da parte dell’amministrazione comunale, così da diventare (si spera!) un appuntamento a cadenza annuale”.

Il Festival ha ottenuto il patrocinio del Consiglio Regionale della Campania e del Comune di Aversa e verrà inaugurato sabato 3 settembre, alle ore 10, presso il Bar Roma (piazza Municipio, 44) dalla consigliera regionale Antonella Ciaramella e dal Sindaco di Aversa Enrico De Cristofaro.

“Sarò lieta di rappresentare la massima istituzione legislativa regionale in un’occasione di promozione culturale che parla a tutti – dichiara la consigliera regionale Antonella Ciaramella –“Giovani studenti che leggeranno brani dei testi, professionisti che modereranno i dibattiti e pubblico di ogni età che normalmente entra in un bar per un momento di ristoro e di socialità e viene invitato a condividere espressioni di cultura e di letteratura nate dal nostro territorio e dal Sud. A mio avviso – continua Ciaramella – questi possono rappresentare gli ingredienti vincenti di una formula positivamente lanciata e che può trovare ampi coinvolgimenti di lettori. I dati delle statistiche ci riportano cifre che allarmano sul numero sempre più ridotto di lettori, al Nord come al Sud e per motivi demografici e sociali seppur diversi, ma le conseguenze sono simili: l’impoverimento culturale della società e la deriva nichilistica sui giovani. Forti di questa considerazione lavoriamo quotidianamente su uno degli obiettivi del percorso politico regionale: il sostegno alla promozione culturale, all’innalzamento della fruizione e della lettura, rafforzare i pilastri di una società che divenga consapevole del suo potenziale e realmente progredita”.

“Si tratta di un’iniziativa molto interessante, organizzata in 8 bar di Aversa, soprattutto considerando che nasce da un gemellaggio culturale con Cernusco sul Naviglio (Milano), nota località da sempre impegnata in eventi culturali straordinari”, queste le parole di Enrico De Cristofaro, sindaco di Aversa che così continua: “La scelta del gemellaggio con Aversa e le attività aversane ci inorgoglisce e all’un tempo rivela l’interessamento alla nostra realtà culturale, riconosciuta anche oltre i confini nazionali. È un evento che ben si colloca nella vicina ricorrenza del “Millennio di Aversa” e la Direzione Artistica affidata a Loredana Limone e ai suoi bravi collaboratori è sinonimo di evento di qualità, che sarà caratterizzato, inoltre, dalle letture di studentesse liceali. L’Amministrazione della città di Aversa ha accolto e riconosciuto il patrocinio morale con entusiasmo, convinta della positività dell’evento, e ringrazia gli sponsor e gli operatori impegnati nella manifestazione”.

Queste invece le dichiarazioni di due scrittrici partecipanti:

 “Otto bar, sedici scrittori. La sorpresa di trovarmi tra quei sedici e pensare: “sono sempre la più piccola. Come sempre...”. Mi sento spesso una piccola formica tra i grandi. E, anche stavolta, sarò seduta tra alcuni dei più rinomati esponenti del panorama letterario del nostro territorio. Sono in un misto di emozioni. Onorata e felice, forse gli aggettivi più giusti. Anche questa grande avventura sta per partire. Aversa e Cernusco sul Naviglio. Due città, così apparentemente distanti, gemellate in questo grande evento culturale: la provincia di Caserta e quella di Milano più vicine che mai. Quando si dice che la Cultura unisce è cosa certamente vera ma, cosa ancor più importante, è quando da un libro scaturisce la giusta motivazione per un attimo di riflessione, di condivisione. Questo e tanto altro animerà un weekend speciale, che trascorrerà dinanzi a una buona tazza di caffè (l’abbiamo anche freddo, se fa troppo caldo). Io sono già emozionata. Cos’altro dirvi? Beh, io ci sarò. Il mio romanzo Il nostro amore… infinito, pure! Allora, ci vediamo lì?!” – Marilena Brassotti Ziello

 

“Ho vissuto a Milano e da quasi dieci anni vivo a Napoli. Il caffè a Milano si prende di corsa (e non è un luogo comune); a Napoli, invece, si prende troppe volte. E se al caffè si aggiunge un libro? Quale sarà la reazione di Aversa a una conversazione letteraria nei bar e nei locali del paese? Sono emozionata e curiosa di partecipare a questo primo esperimento che porta il Book Festival Bar da Cernusco sul Naviglio in Campania, e spero in una grande partecipazione, soprattutto dei giovani e delle donne. Credo che questi incontri, fuori dai luoghi istituzionali, alla fine siano il miglior modo per noi autori di “testare” i nostri libri e le storie che raccontiamo. Non si tratta di presentazioni dove l’autore parla e un pubblico silenzioso ascolta, ci sarà un confronto diretto con i lettori…e, appunto, come al bar, tutti diranno la propria idea…” – Cristina Zagaria

 

Infine, Chiara, Papa, studentessa e lettrice per il Festival, dichiara:

Io e le altre studentesse dei vari indirizzi scolastici della zona abbiamo aderito con piacere a quest’iniziativa perché la riteniamo un’opportunità per fare ciò che ci piace e al tempo stesso per stare a contatto con gente nuova, con la speranza di diffondere la nostra passione per la lettura e per i libri, coinvolgendo quante più persone possibili”.

Ecco tutti i nomi e i numeri del Book Festival Bar:

16 autori e autrici: Lidia Luberto, Paolo Miggiano, Wanda Marasco, Roberto Caracci, Giovanna Mozzillo, Nicola Manzò, Chiara Santoianni, Peppe Lanzetta, Marilena Brassotti Ziello, Fabio Mundadori, Cristina Zagaria, Salvatore Basile, Daniela Carelli, Pino Imperatore, Loredana Limone, Angelo Petrella

6  moderatori: Martino Santillo, Lidia Luberto, Marta Compagnone, Carmine Treanni, Cristina Zagaria, Fedele Menale

8 Bar sede di evento: Roma, La Plaça, Le Botteghe di Leonardo, L’Etoile, Due Pini, Rever, Bollicine, La Fauna

5 studentesse del Liceo Classico F. Durante di Frattamaggiore (NA) che declameranno i brani dei libri presentati: Chiara Papa, Angela Valerio, Sabrina Mormile, Francesca Cristiano, Valeria Frattulillo

Questi i titoli dei libri presentati con i rispettivi editori e autori:

La casa delle bifore – Guida- Lidia Luberto

Ali spezzate – Di Girolamo – Paolo Miggiano

Il genio dell’abbandono – Neri Pozza – Wanda Marasco

Le maschere del senso – Moreti& Vitali – Roberto Caracci

La vita come un gioco – Avagliano – Giovanna Mozzillo

Sette cavalieri d’oro – Tea – Nicola Manzò

Cocktail di cuori – Cento Autori – Chiara Santoianni

La luce sia con voi – Cento Autori – Peppe Lanzetta

Il nostro amore infinito – Booksprint – Marilena Brassotti Ziello

L’altra metà della notte – Damster – Fabio Mundadori

Sugar Queen – Sperling & Kupfer – Cristina Zagaria

Lo strano viaggio di un oggetto smarrito – Garzanti – Salvatore Basile

Vado a Napoli e poi muoio – Sensoinverso – Daniela Carelli

Benvenuti in casa Esposito – Giunti – Pino Imperatore

Un terremoto a Borgo Propizio – Salani – Loredana Limone

Pompei – Rizzoli – Angelo Petrella

 

 

 

C.L.I.O, debutto in grande alla Fiera di San Giuseppe

 

fiera6

Con un elegante stand all’interno dei giardini di Villa Greppi, C.L.I.O. ha fatto conoscere alla città i suoi obiettivi, i suoi eventi e i suoi soci.

Un’attenzione particolare è stata riservata all’evento Bookcrossing Semina dei libri 2016 che ha visto le socie di CLIO consegnare a molti visitatori un libro impacchettato da seminare in un luogo qualsiasi nella giornata del 21 marzo, giornata mondiale della Semina di libri.

Molti le autrici e gli autori cernuschesi passati dal banchetto tra cui, oltre alla socia onoraria Loredana Limone, Silvia la Chiusa, Serena Perego, Elisabetta Ranghetti, Paolo Fiorelli, Marco Erba, Fabio Villa, Laura Bonalumi. Li potremo incontrare il 16 e il 17 aprile durante il Book Festival Bar.

Graditissima la visita del sindaco Eugenio Comincini.

Un grazie particolare agli sponsor: Tipolitografia Renzo Tornaghi e FutureGraphic di Andrea Bruno.

fiera3

Più di 80 donne contro la violenza. Cernusco si ferma per 10 minuti

obr3OBR1

Più di 80 donne di tutte le età hanno ballato sulla musica di “Break the chain” per dire no alla violenza su donne e bambine. E’ successo sabato 13 febbraio, in piazza Gavazzi, e Cernusco si è fermata per un attimo davanti all’energia sprigionata dalle partecipanti al primo One Billion Rising cittadino organizzato dall’Associazione C.L.I.O – Cultura, Libri, Idee, Opportunità.

OBR2

La presidente di CLIO, Paola Malcangio, ha spiegato che questa iniziativa è nata 4 anni fa per volontà della commediografa americana Eve Ensler che ha immaginato la ribellione delle donne vittime di violenza. La rivoluzione di un miliardo di donne, perché tante sono le donne (una su tre) che nella vita hanno conosciuto o conosceranno la violenza. Un Miliardo (One Billion) che danza con quel corpo che così spesso viene violato. Miranda Ragazzoni di Udi Donne di Oggi Cernusco e Martesana ha ricordato che il tema di quest’anno è la violenza subita dalle rifugiate nei viaggi della speranza verso paesi liberi dalla guerra. Roberta Quintavalle, socia di CLIO e vittima di violenza psicologica, ha lanciato il suo messaggio alle donne presenti: “la violenza non è la normalità, portate il problema fuori dalla coppia, rompete il silenzio, rompete la catena”.

Il Sindaco di Cernusco Eugenio Comincini ha ricordato i cardini della convenzione di Istanbul contro la violenza: punizione dell’aggressore, protezione della vittima e prevenzione.

L’ottimo risultato dell’iniziativa è dovuto al grande lavoro di rete fatto con numerose realtà del territorio.

ASD Ginnastica Cernuschese: Claudia Mandelli e Selene Luongo hanno semplificato la coreografia ufficiale mantenendone i passi significativi. Selene ha perfettamente guidato il gruppo delle allieve del mattino sabato in piazza.

Gruppo UDI ‘Donnedioggi’- Cernusco e Martesana. Un grande lavoro di promozione e sensibilizzazione è stato realizzato da Ernestina Galimberti  e dalle associate che sono venute alle prove e hanno ballato in piazza con noi.

Comitato Genitori Secondo Circolo. Una motivatissima presidente, Stefania Luciani, ha coinvolto bimbe, mamme e nonne nelle prove ospitate dalla scuola primaria di Don Milani. Tutte hanno fatto un figurone in piazza!

Associazione In Martesana.  Stefano Barlassina ha promosso e condiviso, prima di tutti,  l’evento sui social media.

Enjoy Sport. Questa eccellenza cernuschese ci è stata a fianco da subito mettendoci a disposizione i locali per le prove e coinvolgendo le donne del corso di difesa personale. Un grazie speciale a Matteo Gerli e Corrado Della Torre per la sensibilità che sempre dimostrano nei confronti di queste iniziative.

Associazione L.A. Danza – Ha tenuto affissa la locandina dell’evento a scuola e ci ha “prestato” due bravissime ballerine: Silvia Brambilla e Alice Bacchetti.

Puzzle Circo Danza Teatro. Silvia Vetralla ci ha messo a disposizione una bellissima sala e una meravigliosa ballerina, Sonia Cavalliere, che ha trasmesso carica ed energia alle ballerine e a tutta la piazza.

Associazione Amami Aiutami Proteggimi di Pioltello. Con il suo presidente, Giuseppe Viganò, ha voluto partecipare perché si occupa di bambini e donne maltrattate.

Un grazie di cuore anche all’Associazione Amici del Tempo Libero, pronti a ospitarci in Filanda in caso di pioggia; a Maria Bambina di Tutto per la sarta che ci ha regalato i nastri, simbolo della catena spezzata; a Elena Bollini che con grande generosità ci ha permesso di collegare il service all’impianto elettrico del suo negozio, lo Sporting;  a Mario Oriani che ci ha prestato il suo balcone dal quale Silvano Volpi ha fatto un video bellissimo; a Giuseppe Sebastiani, musicista, che per noi ha fatto l’ingegnere del suono; alla piccola grande Elisa Sebastiani che ha girato un video così bello da finire a Studio Aperto (insieme a quello di Silvano).

Infine a tutte le socie di CLIO che hanno dimostrato di essere una macchina da guerra 🙂

Appuntamento all’anno prossimo!

 

 

 

Io, vittima di violenza psicologica, vi racconto come sono uscita dall’incubo

Roby
Roberta è avvocato, ama la lettura è buddista e interessata a tutto ciò che è il mondo olistico, il potere del subconscio, il mondo dell’energia. Pratica yoga, meditazione e shiatsu. Ha un cane di 6 anni (Joe Black) che adora.
E’ una donna realizzata, sicura di sé, bella, solare, un sorriso che incanta e due occhi luminosi. Fai fatica a credere che sia stata vittima di uno stalker.

Roberta ha deciso di raccontare la sua storia sperando possa essere utile alle donne che stanno vivendo un’esperienza come la sua.
CLIO – Roberta, sei stata vittima di violenza psicologica. Quando è iniziato tutto?
ROBERTA – Ero sola da un po’ e questo è un dettaglio importante perché la solitudine ci fa abbassare il livello di guardia. Era estate. Lui mi fu presentato da amici e questo abbassò ulteriormente le mie difese: mi fidavo di loro. Veniva da una storia molto lunga di cui io, però, non ho mai voluto sapere troppo: non si arriva a quarant’anni senza passato.
CLIO – Quando hai capito che qualcosa in lui non andava?
ROBERTA – Fortunatamente il suo rivelarsi per quello che era è stato molto veloce. Ha iniziato quasi subito.
CLIO – Come?
ROBERTA – Io faccio un lavoro impegnativo, spesso senza orari. Ho moltissimi interessi, impegni. All’inizio sembrava che questo non lo preoccupasse ma poi ha iniziato a manifestare la sua rabbia. Tornavo dall’ufficio tardi, lui era molto agitato. Mi tempestava di messaggi, mi telefonava con qualsiasi scusa, voleva che tornassi a casa. Manifestava un’insicurezza di fondo, la necessità di essere lui al centro dell’attenzione. “Devi tornare a casa, tu per me ci devi essere”, questo era il messaggio non esplicito che mi lanciava. Si arrabbiava pesantemente con me, era sempre nervoso, fumava tantissimo e continuamente. Arrivava a casa alterato dall’alcool ma io all’epoca non avevo capito subito che ne facesse uso. Urlava, mi insultava, ce l’aveva con me. Mi vedeva come la causa dei suoi problemi. A un certo punto ha cambiato strategia e si è trasformato da aggressore in vittima: stava male se non c’ero. Non potevo allontanarmi perché si sentiva male fisicamente. Io pensavo stesse male davvero, più di una volta ho cercato di portarlo al pronto soccorso ma, ovviamente, non ci ha mai voluto andare.
CLIO- Quanto è andata avanti così?
ROBERTA – Cinque mesi dopo è rientrato alle due di notte, completamente ubriaco, non si reggeva in piedi. Ha urlato e inveito contro di me fino alle 5 del mattino, vomitando ovunque. Sicuramente l’avranno sentito anche i vicini. Mi sono fatta forza approfittando della sua debolezza fisica di quel momento e l’ho buttato fuori di casa. Avevo paura per me e per Joe. Gli ho dato una settimana di tempo per portar via le sue cose. Mi sono chiusa in casa. Avevo paura. Lui ha continuato a tempestarmi di telefonate e messaggi. All’inizio, per cercare di recuperarmi, mi diceva che dovevo aiutarlo a capire, a non fare gli stessi errori. Una trappola che in un primo momento ha funzionato perché cercavo di farlo parlare, pensavo lo aiutasse, non me la sentivo di abbandonarlo completamente, mi sentivo in colpa.
CLIO – Tu, invece, come hai vissuto questo periodo?
ROBERTA – Io ero annientata, non respiravo (la mancanza del respiro è stata la prima manifestazione fisica del disagio). Rifiutavo l’aria perché l’esterno non mi piaceva più e io non mi ci volevo riempire il corpo. Il corpo spesso arriva prima della mente a capire il problema ma io non lo sapevo ascoltare. Mi sentivo precaria, persino a casa mia. Ero spesso in ospedale per accertamenti, nessuno capiva cosa avessi. Poi un cardiologo del San Raffaele, al pronto soccorso, dopo avermi fatto fare una serie di esami, è riuscito a farmi parlare. Ha capito tutto e mi ha consigliato un percorso per ricostruire la mia autostima.
La voglia di prendermi cura di me e di non accettare di vivere la mia vita in quel modo, mi ha dato la forza di dire basta e non rispondere più bloccando il contatto ma lui ha continuato pressante per un altro anno. Ha smesso quando mi sono riappropriata di me, quando mi sono sentita di nuovo una donna libera e ho ripreso a respirare, sicura e decisa a vivere la vita senza la paura di trovare persone come lui.
CLIO – Hai sempre tenuto tutto dentro?
ROBERTA – Si, perché pensavo che la situazione si sarebbe messa a posto da sola ma dopo un po’ il disagio diventa “normalità”. Ero distrutta, il mio tempo era focalizzato su di lui pensando, inconsapevolmente, di vivere una relazione come tante. Con gli amici non uscivo più, non facevo più i miei corsi, non coltivavo i miei interessi; quando sapevo che era nei pressi di casa mia mi scapicollavo a casa mollando tutto. Ero sfuggente, triste e affannata. Avevo paura, mi colpevolizzavo. All’inizio queste situazioni malate non ci allarmano perché, piano piano, ci convinciamo che forse è normale e pensiamo che, col tempo, le cose possano cambiare: ci conosceremo meglio e ci adatteremo. Sbagliato! Mi ero dimenticata di me. La svolta per me è stata parlarne con un’amica, far uscire il problema dalla coppia. Quando le ho raccontato quello che mi succedeva, lei ha usato le parole “violenza psicologica”. Per la prima volta sono riuscita a dare un nome a quello che stavo vivendo.
CLIO – E come hai reagito?
ROBERTA – E’ difficile lottare contro un meccanismo perverso e automatico che ti rosicchia dentro, prende spazio e non te ne accorgi perché pensi di essere una persona forte e strutturata. Io ho fatto un percorso di psicoterapia di gruppo che mi è servito tantissimo. Mi sono rivolta a una counselor che vedo ancora oggi, ogni tanto. Ho lavorato tanto su me stessa per imparare ad ascoltarmi. Ho capito che il primo segnale di disagio che il mio corpo mi manda è la mancanza di fiato. Quando non riesco a respirare, però, adesso mi fermo e mi ascolto. Ho imparato a leggere i miei segnali e a condividerli. Ho capito che è importante chiedere aiuto e anche manifestare un bisogno, un desiderio. Non dobbiamo avere paura di ciò che siamo e di chiedere ciò di cui abbiamo bisogno. Grazie a questo percorso ho imparato ad accettarmi per quella che sono. Ho trovato un equilibrio quando ho iniziato anche a ridere di me e ad accettare le mie debolezze. Mi sono sentita più forte, ho instaurato con me stessa un rapporto di sincerità. Prima indossavo una maschera con tutti. Ero convinta, sin da giovane, che un uomo lo dovessi far divertire, dargli leggerezza non appesantirlo con problemi. Oggi ho capito che la relazione non è soddisfare il proprio compagno, ho capito che il rispetto è alla base di un rapporto.
CLIO – Cosa ti senti di consigliare a chi si trova in una situazione come la tua?
ROBERTA – Prima di tutto di riconoscerla. Come dicevo prima spesso siamo convinte di vivere una situazione “normale”, siamo convinte di meritarcela, anche se dentro sappiamo bene che non è così. Bisogna poi imparare ad ascoltare il nostro corpo, chiedere aiuto, parlarne con qualcuno. Non tenere tutto all’interno della coppia. Se il nostro compagno ha un problema deve affrontarlo con le persone giuste. Non siamo noi le psicoterapeute dei nostri uomini. Non stiamo con loro per risolvere i loro problemi. Non è quella la nostra “missione”. Dobbiamo avere il coraggio di dire “hai un problema ma non sono io che posso aiutarti”. E, soprattutto, non dobbiamo avere paura di rimanere da sole. Il buono arriva quando siamo sufficienti a noi stesse. Il rapporto non deve colmare un vuoto, deve essere un arricchimento, portare un valore aggiunto. Ma tutto questo l’ho capito solo dopo. Auguro a tutte di non smettere di avere dei sogni e di trovare una persona che ne abbia di propri ma che insieme a noi voglia condividerli, realizzarli e aiutarci a realizzare i nostri.

 

Roberta ballerà al flash mob One Billion Rising di Cernusco sul Naviglio, sabato 13 febbraio, ore 11, piazza Gavazzi,

Balliamo per tutte le donne violate

post3febbraio
Insieme a 200 nazioni nel mondo, in più di 90 città e paesi in Italia il 14 febbraio 2016  si ballerà di nuovo per dire basta alla violenza contro le donne e le bambine.

Il flash mob di One Billion Rising a Cernusco è organizzato dall’associazione C.L.I.O – Cultura, Libri, Idee e Opportunità, e si terrà sabato 13 febbraio alle ore 11, in piazza Gavazzi. Grazie all’associazione Amici del Tempo Libero, in caso di pioggia, l’evento si terrà in Filanda.

All’evento hanno collaborato l’ASG Ginnastica Cernuschese, Enjoy Sport, Comitato Genitori II Circolo, Udi Donne di Oggi Cernusco e Martesana, l’associazione In Martesana, Associazione L.A. DANZA, l’associazione Puzzle-Circo Danza e Teatro. Si ringrazia Tutto per la Sarta per la fonitura dei nastri che le ballerine porteranno al polso.

——————————-
Torna per il quarto anno consecutivo ONE BILLION RISING la campagna ideata da Eve Ensler che spinge oltre un miliardo di persone a danzare e manifestare la volontà di cambiamento, scegliendo l’arte, la musica e la poesia come segno di sfida e di celebrazione.
ONE BILLION RISING REVOLUTION è un movimento globale, una rivoluzione che comincia dal corpo; è spontaneità e rumore, energia, ritmo di tamburi,  per trasformare il dolore in potere, per affermare che ogni donna ha il diritto di vivere e decidere del proprio corpo e del proprio destino.

Iniziata nel 2013 e diventata da subito la più grande manifestazione di massa della storia dell’umanità, ONE BILLION RISING rinnova alle donne e agli uomini di tutto il mondo l’appuntamento per il 14 febbraio 2016, il giorno di San Valentino: non fiori e cioccolatini, quindi, ma ancora una volta la testimonianza dell’impegno e della volontà profonda di fermare con ogni mezzo culturale, legale e civile la violenza sulle donne e sulle bambine.

ONE BILLION RISING nasce da un’idea della scrittrice statunitense Eve Ensler, fondatrice del movimento V-Day e autrice de I monologhi della vagina, partendo dalla sconvolgente statistica delle Nazioni Unite che stimano che 1 donna su 3 sul pianeta sarà picchiata o stuprata nel corso della vita.
Questo significa un miliardo di donne e bambine.
Dopo l’exploit del 2013, nel 2014 e nel 2015 ONE BILLION RISING ha continuato la sua battaglia con un’adesione crescente a livello globale, aprendo un nuovo dibattito sui diritti, il razzismo, le disuguaglianze economiche e le guerre dichiarate sui corpi delle donne in tutto il mondo.

Il 14 febbraio 2016 sarà il giorno del quarto appuntamento con ONE BILLION RISING e il tema della Rivoluzione, già protagonista nel 2015, continua anche quest’anno. In Italia l’attenzione si concentrerà sulle donne che vivono una condizione di paura ed emarginazione come le donne migranti, che costrette ad abbandonare il loro paese per sfuggire a guerre e condizioni di vita inaccettabili, subiscono violenza fisica e psicologica durante i loro lunghi e dolorosi spostamenti.

Ricco e ampio è l’elenco degli eventi che animeranno questa giornata di festa e di impegno in tutto il territorio nazionale. Cortei, concerti, flash mob, danze, spettacoli, proiezioni e canti si susseguiranno in tutte le regioni italiane, da Trieste a Palermo, da Trento a Sassari da Galatina a Rimini, idealmente unite in un corpo unico, in un’unica voce potente ma gentile, che il 14 febbraio prenderà vita tra le strade del mondo intero.

ONE BILLION RISING Italia vede l’adesione e la partecipazione di Differenza Donna, D.I.RE, Emergency, CGIL, Terre des hommes, ArciLesbica e molte altre associazioni e scuole.